Bee-building: lo spirito imprenditoriale che non tutti conoscono

Se pensiamo alle api, il pensiero che viene alla mente è legato inevitabilmente ai temi della sostenibilità e del cambiamento climatico che sta mettendo sempre più in pericolo le api.

Ma vorrei soffermarmi invece su un altro tema, che mi sento di condividere.

Se ci fermiamo a pensare, le api effettivamente rappresentano un ottimo esempio di struttura organizzativa dove, per la sopravvivenza dell’intero alveare, ogni membro ha un ruolo ben preciso e fondamentale.

C’è un vero e proprio spirito imprenditoriale da cui prendere esempio nel legame tra ape regina ed alveare, per questo voglio parlare di Bee-building.

Su questo tema mi ci sono imbattuta esattamente un anno fa.

  • Cosa può fare il team di un’azienda per diventare efficiente come quello di un alveare?
  • Cosa rende le api cosi efficaci come team?
  • Quanto può essere simile un alveare al modello organizzativo di un’azienda?

Sappiamo bene come il Team-building sia un concetto che oggi diventa parte integrante di un’impresa. E posso dire con certezza che nel loro piccolo le api possono trasmetterci questa idea di unione. Da qui la fusione in Bee-building.

Dove risiede l’obiettivo comune? Risiede nel benessere e nella sopravvivenza dell’alveare, dove l’ape regina si mette a completo servizio della sua famiglia dimostrando di essere un vero leader.

In azienda lavorare tutti assieme come le api per un obiettivo comune consente ad un team di ottenere grandi cose, dove il successo del singolo apporta valore all’intera azienda.

Come le api per un alveare, i dipendenti per un’azienda sono i protagonisti e rappresentano una vera e propria risorsa. Si trasmette cosi il senso di appartenenza all’azienda, veicolando l’importanza del lavorare insieme per un obiettivo comune. Questo permette poi la comprensione dell’interdipendenza dei compiti dove il lavoro del singolo va a beneficio della fluidità in azienda.

Quando fattori ambientali minacciano la sopravvivenza dell’alveare, le api si trasferiscono. Allo stesso modo un buon team deve essere in grado di anticipare difficoltà ed accettare i cambiamenti con positività, vedere il cambiamento come una nuova sfida ed opportunità, andando in senso opposto allo “abbiamo sempre fatto cosi”.

Questi elementi fanno pensare a come il tema del Bee-building non sia assolutamente da sottovalutare in azienda, e noi di AIM l’abbiamo fatto nostro.
In merito a questo, l’anno scorso abbiamo fatto realizzare (come regalo aziendale) dei maglioni con il nostro logo, un DNA e un’apetta. Un disegno intrinseco di significato.

Perché? Perché ci ricorda come questi fattori debbano essere parte del DNA di un’azienda e dei suoi dipendenti, e che in questo caso devono fare parte di noi, team AIM.

Un pensiero su “Bee-building: lo spirito imprenditoriale che non tutti conoscono

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *